16. Dicembre 2017

22. Deaflympics 2013 Sofia: Judo

 [easy-social-share]

stampa


 

    

Jonas Jenzer -66kg 5. Platz

29.07.2013

 

Jonas è adesso molto nervoso e ha bisogno di più di fiducia. Fisicamente e tecnicamente, si è meglio preparato rispetto ai Campionati del Mondo in Venezuela l’anno passato. Ogni mattina andiamo a correre e allenare i corsi di judo come esercizi di coordinazione quotidiana. Dalle 11.00h alle 12.30h andiamo al centro fitness per scaldare i muscoli. Alla serata abbiamo visitato il Shun Judo Club a Sofia,  dove molte squadre nazionale s’allenano. Abbiamo partecipato all’ allenamento a partire di 19:00h – 21h45h. L’allenatore , SvilenSkerlev, era campione bulgaro e ha vinto diverse medaglie alla Coppa europea. All’allenamento c’ erano molti ottimi judoka, come p.e. Gerchev Yanislav (23) che nel 2011 è stato campione europeo U23. Per Jonas è stata una grande esperienza, che lui ha dato ancora più di motivazione e concentrazione.

30.7.2013

Abbiamo potuto andare a nuovo al Judo Club Shun per  l’allenamento. Ringraziamo Svilen Skerlev che ci ha lasciato allenare con il suo duetto con i suoi atleti. Domani e dopo domani, facciamo l’allenamento alla National Sports Academy, dove le competizioni di judo dei Deaflympics avranno luogo. Ci rallegriamo di fare l’allenamento con i migliori competitori della Bulgaria.

Judo competizione -66kg

06.30h Colazione
07.15  Partire dal Grand Hotel Sofia
07.45h Arrivo alla palestra di competizione (Accademia nazionale di sport)
08.10 Inizio warm-up e preparazione
09.00h Inizio del concorso

Estremamente concentrato e ben preparato Jonas inizia la prima lotta contro il Beishenkulov Maksat (Kirghistan). Jonas ha attaccato fin dall’inizio e può buttare Beishenkulov dopo 30 secondi con un gloss seoinage (lancio di spalla) Ippon (pieno numeri punti e fine della lotta!)

Nella seconda lotta, incontra Ivan Kostenko dell’Ucraina. Jonas si muove molto bene e rimane fedele alla sua tattica di gara. Prima della fine del primo minuto,butta Kostenko con Taiotoshi (lancio a mano) anche Ippon!

La prossima lotta –  semifinale contro il Russo judoka Magomedilaev Murad, medaglia d’argente ai Campionati del mondo dei sordi in Venezuela, nel 2012.

Con la più grande concentrazione Jonas va al tappeto, con il chiaro obiettivo in mente, di realizzare tutto che ha ottenuto durante l’allenamento duro.

La gara inizia e Jonas e Magomedilaev afferano a destra. Jonas lotta tatticamente molto intelligente e il Russo non può praticare le sue tecniche come seoinage, Turf-Tsurikomigoshi e uchimata (lancio spalla e anca). Magomedilaev è un combattente molto forte e con esperienza e è molto ben preparato per la partita contro Jonas. Ancora e ancora, attaccò con uchimata (lancio d’anca) e riesce ad attaccare Jonas durante una breve disattenzione (movimento in avanti sulla destra). Jonas blocca e prova di contrastare. Magomedilaev continua e può portare giù Jonas con Makikomi (tecnica di laminazione-in) che è stata valutata dal giudice con Waza-Ari (mezzo punto di numero). Jonas non è sconfitto, continua ad attaccare – i due combattenti fanno del loro meglio e hanno una lotta emozionante. Dopo la scadenza del periodo di lotta, Jonas si da per vinto nella semifinale con la Waz – valutazione.

Deluso da questo risultato, deve prepararsi alla lotta per la medaglia di bronzo. Dopo 3 ore di pausa, le gare per i terzi posti iniziavano finalmente.

Jonas si batte contro il Coreano Jung Jongwook e gareggia molto bene. Dopo 25 secondi, l’arbitro ferma. La lotta continua, Jonas si muove molto bene e siamo convinti: Sì, Jonas può! Poi Jonas perde il controllo della spalla destra dell’avversario per un momento. Jung Jongwook prende l’occasione e riesce con Eri seoinage (lancio di spalla ) per attaccare a destra. Jonas risponde bene, si tiene con una mano sul tappeto – ma non abbastanza e cade sul dorso. Il giudice valuta (punti totali) Ippon e fine della lotta.

Gravemente deluso continuiamo a vedere le lotte che restano fino alla cerimonia di premiazione. Jonas Jenzer termina i Deaflympic 2013 a Sofia sul eccellente, ma anche ingrato quinto posto finale.

Il torneo aveva luogo ad alto livello con potenti concorrenti, alcuni di loro sono i vincitori delle medaglie di Coppa mondiale e Coppa di Europa.

Ringraziamo La Federazione Svizzera Sportiva dei sordi FSSS, Swiss atleti sordi, JJJC Spiez, Judo team SC Nippon Berna, Sergei Aschwanden (int. Campo judo Fiesch), HIKU Budo-Sport SA Berna, la squadra judo nazionale bulgaro e tutte le persone che ci hanno sostenuti e accompagnati.

Un grande complimento va a Jonas! Il suo atteggiamento esemplare per l’allenamento e la preparazione di questo importante evento può essere considerato come un esempio per molti giovani. Durante il giorno, funziona a 100% come lavoratore della metallurgia e ogni giorno fa l’allenamento completo nel dojo e alla camera di forza. Questo richiede un grande impegno personale, che non tutto il mondo farebbe. Rinunciare lamentare è semplice, ma questo dimostra la forza di seguire la propria strada e fare ogni sforzo per raggiungere il suo obiettivo.

Bravo e complimenti Jonas – mai rinunciare, puoi sempre continuare!

lunedì, 29. Luglio 2013 — martedì, 30. Luglio 2013
00:00 — 00:00

Sofia

Deaflympics (ICSD)

SWITCH THE LANGUAGE
×